Vivi il basket 365, lui saprà ripagarti

Dove andrà Zimmermann? La Class of 2015 ha la sua stella (che però ascolta Justin Bieber)

Dove andrà Stephen Zimmermann? Di quale università vestirà la tuta pre-partita? Sappiamo che tutti vi fate questa domanda. Ma al netto dello scherzo, un focus su Zimm è d’obbligo. Stephen Zimmermann (già nel nick di Twitter un grande, @biz_zimm) è uno dei prospetti più interessanti per il 2015/2016. La class of 2015, quella che dunque l’anno prossimo prenderà il diploma al liceo e volerà in Ncaa, ha una stella.

Il coltello dalla parte del manico sulla scelta del diciottenne Zimm lo avrebbe Unlv. Il ragazzo è nativo del Tennessee. La famiglia si trasferì poi a Las Vegas. Zimm avrebbe qui ogni onore. Certo, offrirgli le chiavi dei Rebels nei prossimi quattro anni è un conto, riuscire a garantirgli di costruirgli intorno una squadra da almeno Elite 8 è un’altra. E le pretendenti sono molte.

Zimm è rimasto a Vegas negli anni di high school: ha giocato a Bishop Gorman non considerando l’opzione Findlay Prep, l’altra high school di Las Vegas, liceo cestistico più importante dell’intera nazione. A Bishop è sensibilmente migliorato. Ha i fondamentali e una certa velocità, ha l’altezza, ha il fade away alla Nowitzki. Non è facile trovare un centro vero con queste caratteristiche in Ncaa e dunque che gli occhi siano addosso a lui è comprensibile.  Con Bishop ha vinto tre titoli statali di fila in Division I (2012, 2013 e 2014). E ha giocato con un altro super-prospetto come Shabazz Muhammad, poi andato a Ucla.

La visita alle università papabili, tradizione che per i prospetti migliori segue l’intero mondo dei media statunitensi, è diventata un evento che Zimm ha in qualche modo “trasmesso” in diretta attraverso i suoi profili Twitter e Instagram. La visita a Kentucky, il college del momento infarcito com’è di All American, è stata quella più seguita. Lo stesso Zimm ha postato foto della sua giornata in Kentucky. Ma ha visitato anche Arizona, Ucla e, last but not least, Unlv. Qui i tifosi gli hanno riservato un’accoglienza speciale, invitandolo nella student section per i minuti finali della partita, esponendo una serie di cartelli per incitarlo a scegliere i Rebels il prossimo anno.

L’attesa è grande. Zimm ha già vestito tra l’altro i colori della nazionale Usa nel torneo continentale Under 18 quest’estate.

Zimm, che era accompagnato dai genitori nella visita, ha ringraziato e gentilmente partecipato alla piccola cerimonia senza sbilanciarsi. Lo abbiamo incontrato dopo la partita.

Ama cestisticamente Kevin Love e Kemba Walker, il giocatore più forte contro cui si è trovato contro. Ma certo non depone a suo favore che nell’ipod abbia, tra gli altri artisti, anche Justin Bieber. Su questo, lo speriamo, migliorerà.

Sa bene l’importanza della sua scelta e l’importanza del suo nome in questo momento, ma non si farà condizionare. Certo, il fatto che Kentucky lo voglia fa pendere l’ago della bilancia verso un college il cui strapotere è in questo momento sotto gli occhi di tutti.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Basic HTML is allowed. Your email address will not be published.

Subscribe to this comment feed via RSS

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: