Vivi il basket 365, lui saprà ripagarti

LIVING IN AMERICA – La guida Ncaa di Lindy’s e l’ultimo numero di Slam: questo il bagaglio per gli Usa, non serve altro

C’è un momento dell’anno, quello di Living in America, in cui ti crogioli in vecchie abitudini: caricare sull’Ipad  l’ultimo numero di Slam e la guida dell’Ncaa basketball di Lindy’s. E poi partire. E rivedere gli stessi posti e le stesse situazioni che alla fine diventano familiari. Il terminal partenze nazionali del Jfk dove vedi l’America vera (ragazzi, il livello di vestiario medio è sceso ancora di più); la gente che sui voli intercontinentali si copre tipo sarcofago con le coperte in dotazione; le noccioline della Delta Airlines. Sono riti che ci preparano a un bel po’ di Ncaa che ci vedremo.

Curiosità a mille per capire il motivo della maxi-sconfitta di Unlv nello scrimmage contro Ucla. Curiosità di vedere finalmente una partita nel Barclays Center (e finalmente entrare nella boutique di Jay Z e magari uscire vestito da capo a piedi con roba della Rockafella.

Comunque, all’arrivo a New York, tra gli espositori dei quotidiani, c’era Melo in bella mostra in copertina su Usa Today. La domanda e il tema sono sempre gli stessi, e la stampa Usa ce li propina da agosto: quanto e come funzionerà Melo nel triangolo di Phil Jackson? D’altronde bimbi il “fantasma” del triangolo non può che aleggiare sul Madison quindi c’è da capire che coach Zen e i Knicks siano un po’ il dibattito tecnico del momento. E non necessariamente il fatto che il triangolo vada in questo momento così e così significa che non funzionerà mai lungo tutta la stagione.

Tralasciando gli aspetti tecnici, novembre e la visita in Usa significano anche kicks (non me lo fate ridire, le kicks sono le scarpe da basket, scarpe da ginnastica, insomma chiamatele come volete, quelle). Puntando sul retro, c’è da vedere se in giro circolano delle Air Jordan 1 di livello. E poi forse è arrivato il momento di investire dei dollari sulle nuove Kd. Vediamo come butta, non sappiamo cosa potrà succedere finché non saremo davanti agli scaffali.

Ps, sul volo New York-Vegas è sempre un classico trovare almeno un nucleo di italiani che possono essere o la famiglia curiosa di vedere lo strip o la classica coppia in viaggio di nozze. Si è realizzata in questo caso la prima ipotesi.

 

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Basic HTML is allowed. Your email address will not be published.

Subscribe to this comment feed via RSS

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: