Vivi il basket 365, lui saprà ripagarti

Tra Bargnani e Belinelli c’è un’Italia che a New York ha viá vinto

20131110-013153.jpg

Va bene gente, la serata prima del grande derby Bargnani-Belinelli con le nuove maglie di Knicks e Spurs è andata.

Tra la Starter che ripropone la vecchia giacca Satin facendocelo sapere su un tabellone luminoso di Time Square e il freddo invernale che finalmente proviamo sulla nostra pelle, non possiamo che riflettere sull’Italia in questa vigilia. Mai come adesso cibo a New York è sinonimo di Italia. Un ristorante per avere credibilità deve avere nome italiano. “Restivo”, “Il Bastardo”, “Zucca”: non si scappa, il nome anche vagamente italiano è sinonimo di qualitá.

Incredibile come ancora una volta l’Italia “esportata” sia viva e vegeta e la nostra Italia, quella vista da dentro, sia depressa e sfiduciata. State tranquilli che il derby italiano farà solo bene alla ristorazione newyorchese.

20131110-005656.jpg

Il Madison Square Garden è proprio dall’altra parte della strada rispetto al nostro hotel. Basta attraversare. Nel preview, c’è da dire che per Bargnani sará una partita chiave nel suo nuovo spot di cinque per l’assenza causa infortunio di Tyson Chandler. È anche la partita del ritorno di Jr Smith dopo i problemi di droga e la sospensione per le prime cinque gare.

20131110-011519.jpg

Insomma carne al fuoco ce n’é, la stessa che la lobby dei baracchini vende a ogni angolo di strada, dando all’aria di Ny un afrore che certi puristi della novelle cuisine forse non apprezzerebbero.

20131110-011834.jpg

Giornata fondamentalmente movimentata: arrivo a Newark da Parigi e subito affrontiamo l’atmosfera del Jersey. Avete presente la sigla dei Soprano, quando Tony guida nell’area portuale, sigla peraltro parodiata dai Simpson? Proprio lí si trova Newark, sembrava di essere nella serie Hbo, vedevamo Tony ad ogni angolo, immaginando che fosse venuto a prenderci per portarci a Manhattan.

20131110-012122.jpg

Invece abbiamo dovuto prendere l’Air Train, pieno di ragazzine del Jersey che andavano a far serata a Manhattan.

Cena tra il Village e Soho, ritorno a casa con un’app della Silicon grazie alla quale condividi la tua posizione e un servizio di auto di lusso viene a prenderti portandoti dove vuoi. Noi non c’entriamo, è una scoperta del gancio negli Usa Marco Benvenuti. Ci vediamo al Madison!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Basic HTML is allowed. Your email address will not be published.

Subscribe to this comment feed via RSS

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: