Vivi il basket 365, lui saprà ripagarti

RIASSUMENDO – Attraverso le agenzie, riviviamo il caso Bryant minuto per minuto – Quell’accordo con Sabatini, poi le frizioni tra società sul calendario – Vorrei dieci partite in un mese – A signò so undici, che faccio lascio? – Cremona non vuol concedere il calendario speciale: “Nella richiesta non è specificato che il motivo è Bryant”

Riviviamo il caso Bryant tramite le agenzie. La questione è mooolto italiana, con Cremona che si rifiuta di concedere a Sabatini il piano delle dieci partite in un mese perché nella richiesta non è stato specificato che il motivo era Bryant. Un rifiuto giusto, se è vero che la Virtus non ha concesso a sua volta a Cremona un uguale favore prospettato nelle settimane scorse. E i cremonesi ora non ci stanno a fare la parte dei guastafeste nell’arrivo in Italia di uno da cinque anelli. Comunque, come in una telecronaca, ci sono le immagini: giudicate voi.

AdnKronos, 19.13 30 settembre
Kobe Bryant e la Virtus Bologna sono vicinissimi. Anzi, no. La vicenda che fa sognare gli appassionati italiani di basket, e che desta attenzione anche al di la’ dell’Oceano Atlantico, archivia una giornata che comincia all’insegna dell’ottimismo e che si conclude con piu’ di una nube. L’intesa tra Bryant e la Virtus pare a portata di mano: manca poco e poi la star dei Los Angeles Lakers, complice il lockout Nba, indossera’ la casacca delle V nere per 10 partite in poco piu’ di un mese. Bologna, pero’, ha bisogno del si’ di tutte le squadre per disegnare un calendario ‘speciale’: ”Abbiamo trovato l’accordo sulla parte economica, restano da definire solo alcuni particolari ma aspettiamo il contratto. Come diceva un allenatore di calcio, ‘rigore e’ quando l’arbitro fischia”’. ”Sulla parte piu’ importante della trattativa, comunque, e’ stato trovato un punto di intesa. Mancano alcuni particolari e le due firme”, dice Sabatini aprendo la giornata ai microfoni di Sky Sport24. L’accordo con il fuoriclasse, chiarisce il patron virtussino, e’ per 10 partite, ”anche perche’ non potremmo permetterci l’undicesima”.

Adnkronos, 19.13 30 settembre (2)
”E’ stata una notte un po’ costosa, ma ormai dovremmo essere folli a non trovare un punto d’intesa. Ringrazio Bryant per l’estrema cortesia e anche il suo agente, con il quale abbiamo svolto una trattativa con estrema collaborazione e professionalita’ come mai mi era capitato”, aggiunge nella giornata che segna anche la chiusura della campagna abbonamenti. La strada sembra in discesa, si lavora per avere in campo Bryant gia’ nel match d’esordio in campionato contro Roma il 9 ottobre: ”Per noi e’ fondamentale, da questa mattina ci stiamo attrezzando a livello di biglietterie e organizzazione per avere Kobe in campo il 9 ottobre”. ”Non e’ facile perche’ lui oggi e’ in America, dovra’ prendere il visto alla nostra ambasciata, il nulla osta dalla Nba per tornare in Italia, poi effettuare le visite mediche e entro venerdi’ mattina dovremo consegnare il contratto in Lega. I tempi sono molto stretti”, spiega Sabatini facendo riferimento alle formalita’ burocratiche. ”Mi auguro che per l’annuncio sia solo questione di ore, dobbiamo organizzare 10 partite ma in questo momento voglio ringraziare la Lega Basket e tutti i colleghi che hanno partecipato all’operazione dando la massima collaborazione. Con l’arrivo di Kobe vince il nostro sistema”, dice Sabatini.

Dire, 19.24 30 settembre
Proprio quando Kobe Bryant sembra allontanarsi dalle Due Torri, il Comune di Bologna si dice pronto a entrare in campo. Da un lato, si appella alla Lega basket italiana perche’ faccia rientrare le resistenze dei club che si sono opposte all’operazione ideata dal patron della Virtus, Claudio Sabatini. Dall’altro, gli assessori Luca Rizzo Nervo (Sport) e Matteo Lepore (Marketing territoriale) si dicono disponibili a riunire categorie economiche e sponsor cittadini interessati al progetto. “L’arrivo di Kobe Bryant a Bologna- affermano Rizzo Nervo e Lepore- rappresenterebbe un evento straordinariamente importante per la citta’. Per quanto ci riguarda, l’amministrazione comunale e’ pronta a fare squadra per valorizzare al massimo questa grande occasione di ribalta internazionale sotto le Due Torri”. L’ingaggio della stella Nba, sostengono i due assessori, “rappresenta a tutti gli effetti un’operazione imprenditoriale e come tale va gestita, ma e’ chiaro che le ricadute per Bologna sarebbero tante e andranno colte da tutto il sistema locale”. Per questo, fanno sapere Lepore e Rizzo Nervo, “ci dichiariamo da subito disponibili a mettere attorno a un tavolo le categorie economiche e i soggetti interessati”. Quindi, l’appello alla Lega basket. “Sappiamo di alcune difficolta’ nelle ultime ore- affermano gli assessori- ma vogliamo credere che il movimento cestistico italiano sappia far prevalere questa immensa opportunita’ a ben piu’ banali questioni burocratiche. Coraggio Kobe, Basket city ti aspetta”. Proprio stamattina, Sabattini annunciava di aver raggiunto un accordo con Bryant. Ma nel primo pomeriggio, e’ arrivato il parere negativo di alcuni club, mettendo “in forte discussione la piattaforma economica su cui si basa il progetto”.

Kronos, 19.24 30 settembre
Mi auguro che i miei amici di Varese riflettano… Sono certo che prevarra’ il buon senso”. Claudio Sabatini, patron della Virtus Bologna, continua a sognare l’ingaggio di Kobe Bryant. Con la superstar dei Los Angeles Lakers c’e’ un’intesa economica di massima. Bologna, pero’, ha bisogno di un calendario ad hoc per finanziare l’operazione che prevede la presenza di Bryant nel quintetto felsineo per 10 partite. Non tutte le societa’ di Serie A sembrano disposte a dare il proprio placet. Tra chi dice no, come spiega Sabatini, in particolare c’e’ Varese. ”Mi auguro che i miei amici riflettano…”, dice a Sky Sport24. ”L’affare e’ colossale. Con Bryant, i diritti internazionali avrebbero un altro valore. Stiamo parlando del giocatore piu’ bravo del mondo, che tra l’altro parla italiano, al momento e’ disoccupato. Agli agenti di Bryant non ho ancora spiegato cosa sta succedendo. Non c’e’ nulla da firmare perche’ non ci e’ arrivato nessun contratto. C’e’ stato uno scambio di email e stiamo sistemando le questioni logistiche”, dice ancora.

Tmnews, 19.52 30 settembre
Kobe Bryant e la Virtus Bologna hanno trovato un accordo, almeno a livello verbale, che consentirà alla stella dei Los Angeles Lakers di giocare le prime dieci partite della stagione con il club emiliano. Sistemata la questione economica – a Bryant andranno circa 2,5 milioni di euro (più di 3 milioni di dollari) per 10 incontri da giocarsi in 40 giorni – per ufficializzare l’accordo, secondo il presidente della Virtus Claudio Sabatini “mancano alcuni dettagli e le firme”. La possibilità di portare Kobe a giocare in Italia è nata dal blocco del campionato americano, la National Basketball Association, che sta posticipando l’inizio della campionato negli Stati Uniti. A complicare una trattavia che, se andasse a buon fine, segnerebbe un evento memorabile per tutto il basket italiano, ci sono i presidenti di Cremona e Varese. Sabatini, infatti, aveva proposto di riprogrammare il calendario della stagione, spostando le date di alcune partite di modo da creare un palinsenso che portasse Bryant a giocare nei palazzetti principali e contro le squadre più famose della Serie A di basket. La Virtus, di conseguenza, aveva richiesto una deroga per poter giocare le prime due partite in casa, una possibilità altrimenti esclusa dalle regole del campionato. A questo punto è arrivata l’opposizione delle due squadre che rischia di far saltare l’accordo economico col giocatore: la grande presenza di pubblico, infatti, è fondamentale per la società al fine di ammortizzare i costi dell’ingaggio. La prima partita è pervista per il 9 ottobre, a Bologna, contro la Virtus Roma, quindi una risoluzione della questione è attesa a giorni. Kobe Bryant, dal canto suo, ha dichiarato nei giorni scorsi che per lui sarebbe “un sogno” poter tornare a giocare a “casa sua”, in Italia. Da bambino Bryant ha vissuto a Reggio Calabria, Pistoia e Reggio Emilia dove giocava il padre Joe “Jellybean” Bryant. A24

Ansa, 19.52 30 settembre
All’ora di pranzo era praticamente fatta. Kobe Bryant in Italia, in maglia Virtus: un sogno che in una settimana diventa realta’. Poche ore dopo la doccia fredda: Cremona e Varese dicono no alla modifica ad hoc del calendario chiesta dal presidente virtussino Claudio Sabatini, facendo naufragare il piano economico da tre milioni studiato per portare la stella dell’Nba sui parquet italiano. Un esito clamoroso che ha scatenato feroci polemiche nel mondo dei canestri, ma che potrebbe non essere definitivo. In Lega, infatti, si spera ancora di trovare un accordo in extremis. A far sognare Bologna e tutta l’Italia del basket e’ l’annuncio dato da Sabatini in tarda mattinata: ”Abbiamo trovato l’accordo con Bryant sulla parte economica, manca solo qualche dettaglio. L’annuncio e’ questione di ore”. Lo conferma anche il sito di Bloomberg. Le cifre parlano di oltre tre milioni di dollari per poco piu’ di un mese di contratto, dal 9 ottobre al 16 novembre. Kobe, che e’ rientrato negli Usa dopo il breve tour italiano nei giorni scorsi, tornerebbe, visto in mano, a Bologna a inizio settimana, in tempo per essere tesserato. Il piano di Sabatini, per massimizzare gli introiti, prevede di giocare in quei 40 giorni 10 partite, una piccola rivoluzione che doveva passare per l’ok degli altri club. Ma in due, Cremona e Varese, hanno detto no. E con un calendario classico (che ancora non si conosce, visto che va riscritto dopo l’ammissione in serie A di Venezia), l’operazione Bryant economicamente non sta in piedi: ”La miopia degli altri club sta rendendo la cosa impossibile. Fossimo alla fine della stagione, con squadre che lottano per la salvezza o per i playoff capirei. Ma adesso, nessuno ha niente in ballo”, e’ sbottato Sabatini. Il nodo e’ che nello scorso aprile la Lega ha votato all’unanimita’ una delibera che impone per le prime due giornate di campionato l’alternanza dei campi. L’atto e’ modificabile, ma per ragioni giuridiche solo se sancito nuovamente all’unanimita’. ”Se le societa’ cambiano idea, noi siamo pronti a metterci al lavoro. Basta che me lo scrivano, io ne prendo atto e lavoro in quella direzione”, ha spiegato il presidente Valentino Renzi. La diplomazia, insomma, e’ gia’ al lavoro per ricucire una situazione che rischia di far perdere a un movimento in difficolta’ un’occasione enorme per riacquistare la visibilita’ perduta negli ultimi anni.

Ansa, 22.08 30 settembre
Sull’operazione per portare Kobe Bryant alal Virtus Bologna i due assessori comunali Luca Rizzo Nervo (Sport) e Matteo Lepore (Marketing territoriale) si sono schierati con proprietario Sabatini dicendo no alle questioni burocratiche. ”L’arrivo di Bryant a Bologna rappresenterebbe un evento straordinariamente importante per la citta’ – hanno scritto in una congiunto -. Per quanto ci riguarda, l’Amministrazione comunale e’ pronta a fare squadra per valorizzare al massimo questa grande occasione di ribalta internazionale sotto le Due Torri. L’ingaggio della stella Nba numero uno rappresenta a tutti gli effetti un’operazione imprenditoriale e come tale va gestita, ma e’ chiaro che le ricadute per Bologna sarebbero tante e andranno colte da tutto il sistema locale, per questo ci dichiariamo da subito disponibili a mettere attorno ad un tavolo le categorie economiche e i soggetti interessati. Sappiamo di alcune difficolta’ nelle ultime ore, ma vogliamo credere che il movimento cestistico italiano sappia far prevalere questa immensa opportunita’ a ben piu’ banali questioni burocratiche”. ”Coraggio Kobe ‘Basket city’ ti aspetta!”, e’ stata la loro conclusione.

Agi, 12.10 1 ottobre
“Alla luce della ampia disponibilita’ evidenziata dai club di Serie A, la Lega Basket Serie A e’ al lavoro per consentire alla societa’ Virtus Bologna di definire la trattativa per l’ingaggio di Kobe Bryant, convinta che questa operazione possa essere di fondamentale importanza per una sempre maggiore diffusione del basket italiano”. E’ quanto si legge nella nota della Lega basket nella quale viene presa ufficialmente posizione in riferimento alla vicenda del possibile arrivo della stella Nba Kobe Bryant in Italia.

Dire, 14.08 1 ottobre
Anche se la trattativa e’ ancora a un passo dall’arrivare in porto (lo sblocco dovrebbe arrivare entro lunedi’), sotto le Due Torri sale la febbre per Kobe Bryant. E almeno un negozio di merchandising dedicato alla stella Nba e’ pronto ad aprire i battenti. L’Ascom di Bologna ha siglato un accordo con il Gruppo Sabatini, la Virtus e la societa’ di promozione turistica dell’associazione dei commercianti, Bologna incoming, per aprire in centro, nei 40 giorni di permanenza sotto alle Due Torri di Bryant, un negozio dove verra’ venduto tutto il merchandising legato alla stella del basket americano. Ad annunciarlo e’ Giancarlo Tonelli, direttore generale di Ascom, che precisa: “L’iniziativa e’ concordata con il patron della Virtus, Claudio Sabatini”. Grazie alla “disponibilita’ di alcune proprieta’- continua Tonelli- stiamo valutando quale punto sia piu’ opportuno per aprire il negozio. Al momento sono al vaglio tre proposte: una nel Quadrilatero, una in via Farini e una in via D’Azeglio”. Si attende solo l’ufficialita’ dell’ingaggio di Bryant per aprire l’esercizio, che sara’ “allestito nel giro di pochi giorni”. Insieme al negozio in centro, fa sapere ancora Tonelli, l’Ascom sta “valutando di aprire altri due Bryant-point, uno in aeroporto e uno in Fiera”, in occasione degli expo programmati tra il 18 e il 20 ottobre.

Ansa, 18.04 1 ottobre
Valentino Renzi si e’ definito ”moderatamente ottimista” sulla possibilita’ che Kobe Bryant possa arrivare in Italia per giocare nella Virtus Bologna. A Forli’ per la Supercoppa italiana tra Siena e Cantu’, il presidente della Lega serie A ha ribadito che ”la situazione e’ decisamente complicata” ma che ”bisogna continuare a lavorare per questa possibilita’ importante per il basket italiano”, sfruttando anche l’appuntamento forlivese per operare in questa direzione.

Ansa, 15.34 2 ottobre
Inserita, nei giorni scorsi, dal numero uno della Virtus, Claudio Sabatini, tra le societa’ che avrebbero opposto il loro rifiuto alla modifica del calendario della Serie A di basket, mettendo cosi’ a rischio la possibilita’ che Kobe Bryant sbarchi davvero in Italia, la Vanoli Cremona, non ci sta a passare da ‘cattiva’. La richiesta di deroga al calendario ricevuta da Sabatini, scrivono infatti dalla Lombardia in una nota, non faceva alcun riferimento alla superstar della Nba. A sostegno della propria tesi, ”in relazione alle numerose e curiose letture e libere interpretazioni che associano il nome della nostra societa’ alla vicenda Bryant”, il club cremonese, mostra la lettera ricevuta dal patron virtussino in cui il nome del campione americano non compare mai. ”’Caro Presidente – scrive Sabatini nella missiva divulgata dalla Vanoli – sono con la presente a chiedere, viste le indisponibilita’ del nostro impianto e le norme riguardanti i criteri di compilazione del calendario approvati con delibera assembleare, di poter disputare i primi due incontri della stagione in casa. Vista l’urgenza, in relazione alla compilazione del calendario, sono a chiederti un parere entro le ore 10.00 di domani 30 settembre. Ringraziandoti per la collaborazione, ti saluto cordialmente”’. Pertanto, viene osservato da Cremona, ”risulta del tutto evidente che nella richiesta in parola non si faceva alcun riferimento alla possibilita’ di Virtus Bologna di sottoscrivere un contratto con l’atleta Kobe Bryant”. Nel sottolineare ”che ad oggi non ci e’ pervenuta nessun’altra richiesta a nome della societa’ Virtus Bologna”, prosegue la nota, la societa’ lombarda chiede venga dato risalto alla loro posizione tanto quanto, ”negli ultimi giorni hanno avuto gli inutili e gratuiti attacchi al nostro club derivanti da una lettura errata del nostro parere come sopra dimostrato, fermo restando – conclude – la liberta’ di pensiero e il rispetto delle opinioni altrui in cui crediamo fermamente”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Basic HTML is allowed. Your email address will not be published.

Subscribe to this comment feed via RSS

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: