Vivi il basket 365, lui saprà ripagarti

Succede solo negli Usa – Espn e la seconda stagione di “The Association” , la serie tv documentaristica che segue il mondo Nba. L’altr’anno è toccato ai Lakers, quest’anno cinque puntate sui vostri Celtics – Scelta non a caso, il loro dente avvelenato rende ogni puntata imperdibile, tra allenamenti e backstage dei match

L’anno scorso ci ha emozionato, quest’anno ci stupisce. Niente da fare, c’è ancora chi fa del documentarismo sportivo un genere d’avanguardia, con soluzioni di sceneggiatura e di fotografia che lasciano senza fiato: succede negli Usa ovviamente, succede alla Espn, una factory di news sportive che quanto a idee spiazza anche il più scafato di noi cestofili. Sì, avete capito bene, è la stessa Espn che ha creato le copertine di presentazione delle squadre a inizio anno trasformando i giocatori in eroi Marvel. Il colosso ripropone anche per questa stagione “The Association”. Sopra, potete guardarvi la prima puntata. Sono cinque puntate, tutte da trenta minuti tranne l’ultima, che sarà di sessanta. Insomma, alla fine non è molto diverso da guardare i Soprano o Nip&Tuck. Il bello è che in queste due serie si recita, bene o male lo decidete voi, in The Association si riprende la real life dei Boston Celtics.

Furbetti e geni gli sceneggiatori: l’anno scorso seguire il Lakers verso la conquista di un nuovo anello è stato effettivamente esaltante, ma quest’anno quale sarebbe stata la squadra davvero imperdibile da seguire giorno e notte in allenamenti e spostamenti tra una città e l’altra: ovvio dire Boston, dove la sconfitta alberga abbastanza male e dove c’è un dente avvelenato che deve in ogni modo essere cavato. Se a questa elettricità nell’aria dalle parti del Massachuttes ci aggiungiamo che la franchigia biancoverde quest’anno ha un vero e proprio showman come Shaq, ecco che era impossibile, per la seconda season della serie, non scegliere i Celtics.

La prima puntata riparte da dove era finita, dall’anello dei Lakers, da Kobe che sale sul banco a bordocampo e allarga le braccia come una celebre scena già vista con protagonista Jordan. Poi comincia la storia di Boston, con alcune chicche imperdibili, indipendentemente dalla storia: sì perché le immagini ci portano giorno per giorno in palestra con Rondo e gli altri, tra incazzature e sorrisi. Da non perdere Shaq che da bacini sulla guancia a Kendrick Perkins e Glen Davis che lavora sull’ellittica.

Da infarto la scena iniziale a Boston, con la macchina che pulisce i giardini dalle foglie che fa volare appunto alcune foglie secche. In dissolvenza, piccioni in volo, tutto in slow motion. Si parla dell’estate durissima per Boston, quella dello scorso anno, quando si è trattato di rimettere insieme i cocci. Tra le interviste, quella a Danny Ainge, una brava persona che in The Association mette in mostra il suo lato più umano. Impossibile descriverlo a parole, credo che in questo caso la funzione di questo blog, che ama le notizie “parlate”, sia semplicemente di diffondere The Association. Dobbiamo comunque essere coscienti che, per il secondo anno consecutivo, Espn ha varato un prodotto semplicemente da applausi. Di seguito vi metto le puntate 2010/2011 con le relative uscite. Considerate che le prime due puntate sono già state trasmesse ma che sono rivedibili in qualsiasi momento sul sito Espn.

Episode 1 – Friday, Dec. 3 – 7 p.m. (30 minutes)
Episode 2 – Friday, Jan. 21 – 7 p.m. (30 minutes)
Episode 3 – Friday, Feb. 25 – 7 p.m. (30 minutes)
Episode 4 – Wednesday, March 16 – 7 p.m. (30 minutes)
Episode 5 – Friday, April 15 – 8 p.m. (60 minutes)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Basic HTML is allowed. Your email address will not be published.

Subscribe to this comment feed via RSS

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: