Vivi il basket 365, lui saprà ripagarti

Notte italiana

Dall’Ansa
Ventiquattro punti e 12 rimbalzi difensivi in quasi 39 minuti. Sono il bottino personale di Andrea
Bargnani che ha permesso al centro romano di vincere la ‘sfida italiana’ contro Danilo Gallinari ed a Toronto di superare New York con il punteggio di 112-104. Ma davanti al pubblico del Madison Square Garden Gallinari non ha sfigurato, mettendo a segno 26 punti e quattro rimbalzi in 42 minuti.
”Gallo ha giocato una grande partita – è stato al termine il tributo di Bargnani (a segno 5 volte su 6 nel tiro da tre) – e penso che i tifosi italiani di basket si siano davvero divertiti”. ”Nessuna sorpresa per la grande prestazione di Andrea – gli ha risposto il milanese – chi lo conosce bene, ed io sono tra questi, sa di cosa è capace”. Per i NY Knicks da sottolineare anche l’ottima prestazione di Al Harrington, autore di 31 punti. Alla serata azzurra in Nba è purtroppo mancato, nelle fila di Toronto, l’apporto di Marco Belinelli, non entrato in campo.

Dall’AdnKronos
Andrea Bargnani ha vinto il festival italiano targato NBA. Con 24 punti e 12 rimbalzi, il ‘magò ha
trascinato i Toronto Raptors al successo per 112-104 sul campo dei New York Knicks, che sono finiti k.o. nonostante i 26 punti di Danilo Gallinari. Nella serata tricolore, al Madison Square Garden, i due principali ambasciatori del basket nostrano hanno regalato spettacolo e strappato applausi.

Gli italiani in campo avrebbero dovuto essere 3 se Jay Triano, coach di Toronto con dna tricolore, non avesse deciso di cambiare la sceneggiatura lasciando in panchina Marco Belinelli per tutti i 48’.
Alla fine dell’Italian Heritage Night ha sorriso soprattutto Bargnani, che ha lasciato un’impronta sul match sin dalle prime battute. Il lungo romano ha offerto una prestazione eccellente nei 38’55« passati sul parquet, guadagnandosi subito un posto sotto i riflettori.

Si è presentato con 14 punti nel primo periodo: 4 tiri da 3 punti e una penetrazione chiusa con una schiacciata che ha fatto saltare in piedi tutti i panchinari dei Raptors. <Ero felice. Dovevo provare a schiacciare e l'ho fatto – ha detto Bargnani, che per qualche secondo si è lasciato andare ad un'esultanza inconsueta per un giocatore etichettato come freddo e distaccato. Le
prodezze del romano hanno hanno griffato il 39-20 che ha spaccato il match a metà già dopo la frazione iniziale. Alla fine, Bargnani ha chiuso con 9/13 dal campo e un eccellente
5/6 dalla lunga distanza. A fare da contorno, si fa per dire, anche 12 rimbalzi: meglio di così, non si può.

«Siamo partiti benissimo, venivamo da 3 giorni di riposo e avevamo tante energie da spendere nell'avvio di gara. Dopo la partita persa contro Indiana volevamo rifarci e lo abbiamo dimostrato sin dall'inizio», ha commentato Bargnani, che evidentemente non si è fatto condizionare dallo 'scherzettò dello speaker di casa: all'annuncio delle formazioni, l'ex giocatore della Benetton Treviso è stato definito spagnolo.

Dettagli in una serata perfetta. «In Italia hanno trasmesso la partita in diretta, era una gara importante per il nostro paese. Penso che gli appassionati si siano divertiti, anche 'Gallò ha giocato benissimo», ha aggiunto Bargnani. Gallinari, in realtà, ha faticato a mettersi in moto. L'ala ha fallito i primi 4 tiri e ha rotto il ghiaccio solo nel secondo periodo.

L'ex giocatore dell'Olimpia Milano si è esaltato proprio quando è stato marcato dal compagno di Nazionale: 3 tiri e 3 canestri hanno consentito a Gallinari di sistemare lo score personale prima dell'intervallo con 13 punti. I Raptors, capaci di tirare con il 54,2% dall'arco (12/22), sono arrivati ad avere anche 28 punti di margine e hanno ipotecato la vittoria con lo score di 64-37
confezionato a metà dell'opera. Il copione è cambiato solo parzialmente nella ripresa, quando New York ha provato a riaprire la gara.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Basic HTML is allowed. Your email address will not be published.

Subscribe to this comment feed via RSS

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: