Vivi il basket 365, lui saprà ripagarti

Ocio alla Perestrojka

Mikhail Prokhorov

Mikhail Prokhorov


Adesso andate voi a spiegarlo a Breznev come è andata a finire. Andateci voi a spiegargli, magari in una seduta spiritica, che le due principali protagoniste della guerra fredda fanno affari d’oro, e che affari, mentre un tempo erano divise da muri e batterie missilistiche nucleari. Andateglielo a spiegare che il mercato libero ha creato nella Grande Madre Russia, miracolo, dal nulla, senza interferenze apparenti dello Stato, uomini ricchissimi. E che questi uomini andranno ad investire e a creare ricchezza negli Stati Uniti. L’economia è stupefacente. Riesce a superare confini impensabili. Viaggia a tripla velocità rispetto alla politica. Se tra Obama e Medvedev c’è cordialità tiepida, con l’accordo di luglio e la road map sul disarmo nucleare, tra i New Jersey Nets e Mikhail Prokhorov è vero amore.

E’ il magnate russo che ha appena appena siglato l’accordo con i Nets per il controllo dell’80% della società. E’ il primo proprietario non americano di una franchigia Nba. Ha già finanziato il Cska Mosca di Messina e Holden. Spenderà 200 milioni di dollari ma ovviamente in ballo c’è molto di più della semplice proprietà della squadra. La vera partita si gioca nel ramo costruzioni. La parola magica è Atlantic Yards, il mega-complesso tra insediamenti residenziali e nuova arena dei Nets (il Barclays Center, da trentamila posti) che dovrebbe essere costruita in downtown Brooklyn. Il faraonico progetto, curato da quello che dal 2004 è il proprietario dei Nets, Bruce Ratner, è però in una fase di stanca. Non solo perché gli ambientalisti stanno portando di fronte alle corti di ogni livello giudiziario Ratner per questa che si rivela come una grande opera ma anche come un vero e proprio bagno di cemento della zona. Ma anche perché la crisi del credito in Usa ha mostruosamente rallentato i finanziamenti.

Con il più classico dei “ci penso io”, mister Prokhorov (è davvero il caso di chiamarlo così), avrebbe messo sul piatto forze finanziarie così rilevanti da zittire un po’ tutti. Il denaro e la “presenza finanziaria” di uno degli uomini più ricchi del mondo (il quarantesimo secondo Forbes, ha fatto fortuna con le miniere di Nickel) starebbero pian piano riconducendo a più miti consigli un po’ tutti. E downtown Brooklyn ora potrebbe vedere sorgere Atlantic Yards. Sedici sarebbero i grattacieli del complesso, oltre appunto all’arena, pezzo forte. “Moscow mogul may be savior of vital Atlantic Yards project”: “Il magnate russo potrebbe salvare il progetto di Atlantic Yards, già titolano i giornali del New Jersey”. Una storia nella quale Tony Soprano sguazzerebbe. Vorrebbe entrare nell’affare anche se questo sembra troppo grande anche per lui. Cara vecchia America, incredibile ma vero: saranno i russi a salvarti.

Pare dunque arrivare il “bling”, ovvero il denaro, e a pioggia, sulla testa dei New Jersey Nets. L’operazione sportiva principale che tutti suggeriscono all’orecchio del russo, manco a dirlo, è l’ingaggio, tra un anno, di Lebron James, uno dei passaggi più annunciati e in apparenza più scontati della storia del basket (con Jay-Z, che diventa dunque co-proprietario con Prokhorov ed è intento ad aspettare l’amico attualmente ai Cavs). Ma proprio perché super annunciato, il passaggio potrebbe essere passibile di ripensamenti dell’ultimo momento. Staremo a vedere, anche perché intanto c’è da pensare a questo campionato, con il training camp ufficiale che apre martedì. Mai una stagione fu più di transizione per Jersey come questa. Nei sondaggi sul sito si chiede se il duello tra il cinese Yi Jianlian e Kevin Garnett sarà tra i più interessanti della stagione. Sì, il russo serviva davvero.

Annunci

2 Responses to “Ocio alla Perestrojka”

  1. Lumi

    The arena is supposed to hold 18,000-19,000 seats, not 30,000 (that would be HUGE!) and is in Prospect Heights, not Downtown Brooklyn, which is a couple blocks away, though the developer Bruce Ratner is always saying it is in Downtown Brooklyn to confuse the issue.

    Rispondi
  2. thegameilove

    Hi there Lumi. Thank you from me and my readers for your comment that makes my post better

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Basic HTML is allowed. Your email address will not be published.

Subscribe to this comment feed via RSS

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: