Vivi il basket 365, lui saprà ripagarti

Gallo: “Il sogno è vincere l’anello”

Danilo Gallinari con le insegne Knicks dopo il draft

Danilo Gallinari con le insegne Knicks dopo il draft


Dall’ufficio stampa Sky
Il giocatore italiano dei New York Knicks, Danilo Gallinari, in esclusiva a Sky Sport24, in un’intervista in onda oggi, martedì 17 febbraio 2009. L’ex Armani Jeans Milano ha parlato del suo primo periodo da professionista trascorso nel campionato americano di basket NBA, ma anche del campionato italiano, che l’ha visto grande protagonista fino alla passata stagione.

Come si vive a New York e come ti trovi nei Knicks?
“Non è facile, ma ci metti poco ad adattarti. E’ un gioco diverso, ci sono regole diverse, un ambiente diverso. Però, penso che per un giocatore, che avuto esperienze in Europa e in Italia, non sia un problema. Sicuramente, è un gioco più veloce è più fisico. Da molto spazio all’atleticità e alla fisicità”.

Il problema alla schiena
“Sta andando abbastanza bene. Mi sto ancora riprendendo, devo convivere con un po’ di dolore, ma è minore rispetto a prima. Sta calando sempre di più e speriamo che cali il prima possibile”.

Coach Mike D’Antoni punta sempre più su di te
“Innanzitutto, è un onore, perché essere allenati da un grande campione, come giocatore e come allenatore, penso sia una possibilità unica nella vita. Sto cercando di imparare più cose possibili. Quindi, è bellissimo”.

Il tuo sogno
“Vincere il titolo NBA”.

Dagli Stati Uniti all’Italia, con la Serie A maschile dominata dal Montepaschi Siena
“Il segreto, è che hanno un gruppo di 5/6 giocatori da tanti anni. Quindi, su questi giocatori hanno costruito tutta la squadra. Mantenendo questi giocatori, che erano molto forti, nel corso degli anni sono riusciti a costruire una squadra solida, che si conosce bene e riesce a giocare bene assieme. Giocano a memoria ed è difficile giocarci contro”.

Sulla sua ex squadra
“Quando ci sono dei cambiamenti, c’è tantissimo entusiasmo, ma è difficile portare subito a casa dei risultati. Penso che in Eurolega stanno andando bene e stanno facendo un discreto campionato. Non buonissimo, ma discreto. Ci sono le fondamenta societarie giuste per costruire una squadra forte, che vince, come quella di Siena. Quindi, auguro il meglio a Milano, che è la mia squadra del cuore. Penso che nei prossimi anni, la gloriosa bacheca potrà avere qualche trofeo in più”.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Basic HTML is allowed. Your email address will not be published.

Subscribe to this comment feed via RSS

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: